iDigital foto.jpg
iDigital.gif

Progetto solidale di alternanza Scuola-Lavoro

Oggi viviamo stupiti in un’era che era stata anticipata un decennio fa ed in cui pochi hanno creduto e si sono adattati.

Sfortunatamente è arrivato il Covid-19 che, tra tutte le brutture e la pericolosità dell’evento, ha portato ad un risveglio ed una consapevolezza generale sull’enorme sviluppo tecnologico che siamo stati costretti a cavalcare ed adeguarci.

Una fortuna per lo sviluppo delle potenzialità di una scuola che si è dovuta adeguare alle competenze degli studenti, certamente, nella maggior parte dei casi, più preparati degli insegnanti che a loro volta hanno potuto perfezionare e rendere più efficace il loro comunicare proprio grazie alle tecnologie.

Qualche difficoltà la hanno incontrata gli anziani, molto lontani da questo modus vivendi che però li ha legati, paradossalmente, ancor più alle generazioni dei giovani, collocandosi nella duplice veste di conduttori di vita e accompagnati all’utilizzo degli smart device: i baby-sitter dei millennials che hanno anche i millennials come loro doc-sitter.

Bene, è intenzione dell’UniPRU sviluppare la cultura digitale degli anziani, perché abbiano più vicini i loro cari anche quando lontani.

Tale idea si svilupperà attraverso il progetto denominato iDigital, gratuitamente a favore degli anziani, attraverso l’alternanza scuola-lavoro degli studenti delle Scuole Medie di II grado.

L’Alternanza scuola-lavoro è una modalità didattica innovativa, che attraverso l’esperienza pratica aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, ad arricchirne la formazione e ad orientarne il percorso di studio e, in futuro di lavoro, grazie a progetti in linea con il loro piano di studi.

L’Alternanza scuola-lavoro, obbligatoria per tutte le studentesse e gli studenti degli ultimi tre anni delle scuole superiori, licei compresi, è una innovazione prevista dalla legge 107 del 2015 (La Buona Scuola) che dovrebbe allinearsi al principio della scuola aperta.

Al coinvolgimento degli Istituti superiori di secondo grado, sarà conseguente anche appassionare gli utenti dei circoli culturali e ricreativi, dei circoli della terza età, delle parrocchie.

Oramai, la tecnologia "mobile-device" è talmente entrata a far parte della nostra vita quotidiana, che spesso si dà per scontato che tutti siano in grado di sfruttarne i vantaggi: preconcetto errato!

A volte non ci rendiamo conto delle difficoltà che una persona possa incontrare di fronte ad una strumentazione che da alcuni viene considerata “infernale” ed “impossibile da usare”, azioni scontatissime per la generazione dei “nativi digitali” diventano inconcepibili per chi non ha ancora analizzato introspettivamente come era la vita prima dell’avvento della tecnologia, come avremmo vissuto senza di essa, quali sono i vantaggi da sfruttare per semplificare la nostra vita, valutando obiettivamente anche gli aspetti negativi e gli usi impropri della stessa.

Gli Istituti Superiori di secondo grado e gli studenti interessati a questa proposta, potranno aderire al progetto iDigital che prevede fasi distinte:

I FASE

Illustrazione del progetto alle scuole ed agli studenti.

Comunicazione del progetto ai Comuni, ai circoli culturali e ricreativi, ai circoli della terza età, alle parrocchie.

Reclutamento interessati alla partecipazione.

II FASE

Formazione FAD (con certificazione finale attestante anche il numero di ore svolto) agli studenti che dovranno “andare sul campo” (nei circoli culturali e ricreativi, nei circoli della terza età, nelle parrocchie) e/o, perché no, direttamente dai loro parenti anziani per un one-on-one, visto il particolare periodo di difficoltà dovuto al Covid-19.

Gli studenti, opportunamente tutorati, quindi, somministreranno interventi di formazione sull’uso e sulle potenzialità dei “mobile-device”, ottenendo un attestato certificante le ore svolte, da ortare a scuola per il conteggio deii crediti formativi acquisiti.

FASE DI VERIFICA

Sperimentare e misurare il valore dell’esperienza vissuta ed il risultato ottenuto, attraverso  online somministrati agli studenti ed agli utenti intervenuti.